STUDIO LAFFUSA

Ottenere il finanziamento e commerce del decreto destinazione italia 2014

Consegna Finanziamento E Commerce 2014

Il Decreto Destinazione Italia, votato sole poche settimane fa in parlamento, e approvato alla fine con 121 voti favorevoli e 91 contrari, promette, attraverso misurati finanziamenti per e commerce 2014, di fornire un grosso sostegno all'economia italiana attuale andando a pompare denaro proprio in quei settori considerati più promettenti dai mercati internazionali. Sarà possibile ottenere finalmente finanziamenti per e commerce 2014 in una maniera più semplice e automatizzata. D'altra parte non verranno messi alla porta altri settori cruciali come quelli appartenenti alla Green Economy, le nuove tecnologie o l'innovazione.


Ma come è possibile ottenere i tanto bramati finanziamenti per e commerce 2014?
Il disegno di legge prevede di raccogliere i fondi finanziari da impiegare ricorrendo ai Fondi strutturali europei per il periodo 2014-2020 ma non solo: una buona fetta delle risorse necessarie verranno prese direttamente dal Fondo di Rotazione e dai Fondi di Sviluppo e Coesione.
I finanziamenti per e commerce 2014 consisteranno soprattutto in voucher da 10000 euro l'uno, sempre a patto che i capitali siano utilizzati per migliorare effettivamente l'efficienza aziendale dal punto di vista tecnologico o per la formazione di personale specializzato per le piccole-medie imprese. L'ICE, l'Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese, invece, gestirà le procedure di distribuzione dei fondi relativi all'internazionalizzazione (anche in questo caso gli operanti nell'area e-commerce potranno usufruire del finanziamento).
Una sorpresa speciale sarà poi destinata alle attività di ecommerce relativa agli e-books. Anche coloro che operano in questo campo potranno accedere al finanziamento, infatti, a dispetto di quanto annunciato sulla prima bozza del decreto (finanziamenti solo per chi tratta libri cartacei).
Il decreto prevede infine la concessione di mutui a tasso zero per l'avvio di nuove imprese di piccole dimensioni nel caso in cui il capitale sociale sia composto per più della metà da giovani imprenditori fra i 29 e i 35 anni o da donne. Il provvedimento che include anche il settore dell'e-commerce (così come quello del turismo) è però limitato alle imprese considerate di piccole dimensioni e si estenderà fino ad un tetto massimo di 1,5 milioni di euro.
Insomma i finanziamenti per e commerce 2014 diventeranno presto, a quanto pare, una felice realtà per tanti imprenditori.
Si ricordi che l'e-commerce rappresenta oggi uno dei settori a più alto e sicuro rendimento. In Italia, dove la crisi ha ridotto all'osso le opportunità di investimento relativamente sicure, le vendite online hanno superato la soglia degli 11 miliardi di euro, facendo registrate una crescita a doppia cifra del 18% nell'ultimo anno. Fra le aree più redditizie nel campo delle vendite online si segnala quella turistica che ha visto moltiplicare i propri fatturati e che rappresenta effettivamente il 43% del totale dei prodotti venduti sul web. Ma non c'è solo il turismo sul carro dei vincitori, abbigliamento ed elettronica stanno al passo, sfruttando l'infrenabile corsa allo smartphone ed al tablet di ultima generazione.
Un quadro ideale ci viene fornito dall'Osservatorio Multicanalità, secondo i cui dati addirittura 3,7 milioni di italiani utilizzano ormai regolarmente il canale della vendita online per effettuare i propri acquisti, mentre il 29% circa degli italiani ha eseguito almeno una volta nella vita una transazione interamente in rete!

 

il nostro studio vi fornirà tutto il supporto per la verifica dell'idoneità, e la preparazione delle pratiche burocratiche per ottenere il finanziamento e vi metteremo in contatto con laboratoriositiweb che realizzerà il vostro sito e-commerce 

primi sui motori con e-max