STUDIO LAFFUSA

CIRCOLARE 27: TRASMISSIONE TELEMATICA LIQUIDAZIONI IVA GEN.-FEB.-MARZO 2017 – SCADENZA 31 MAGGIO 2017

liqiva

L’art. 4, commi 1 e 2, del D.L. 22 ottobre 2016, n. 193, convertito, con modificazioni, dalla L. 1° dicembre 2016, n. 225, ha modificato l’articolo 21bis del D.L. 31 maggio 2010, n. 78, introducendo l’obbligo, a decorrere dal 2017 di trasmettere all’Agenzia delle Entrate, ogni 3 mesi, le liquidazioni IVA, sia riportanti un debito sia riportanti un credito.

 

 

Nella tabella le scadenze per l’adempimento.

 

 

 

Dunque, entro il prossimo 31 maggio (salvo proroghe da più parti già sollecitate), ogni titolare di partita IVA (salvo i pochi esonerati) dovranno trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate il file (in formato XLM) relativo alle liquidazioni IVA dei seguenti periodi:

 

  • Contribuenti in IVA mensile: gennaio, febbraio e marzo 2017
  • Contribuenti in IVA trimestrale: 1° trimestre 2017

 

A seguire forniamo indicazioni sul comportamento da seguirsi:

 

  • Per i clienti la cui contabilità è gestista direttamente dallo scrivente Studio
  • Per i clienti che gestiscono internamente la propria contabilità

 

 

 

Clienti la cui contabilità è gestista direttamente dallo scrivente Studio

 

Lo scrivente studio, una volta completate le registrazioni Iva riferite al periodo trimestrale di riferimento, tramite una convenzione con la propria software-house, provvederà a firmare digitalmente, con la propria firma elettronica qualificata, il file XML delle liquidazioni Iva di ogni cliente e tramite l’apposita piattaforma SDI – Sistema d’interscambio lo trasmetterà all’Agenzia delle Entrate.

 

 

 

Clienti che gestiscono internamente la propria contabilità

 

In questo caso potranno:

 

  • Assolvere in autonomia l’adempimento;
  • Avvalersi per l’adempimento del servizio messo a disposizione dallo scrivente studio.

 

Clienti che intendono assolvere autonomamente l’adempimento – sono invitati a prendere contatto con la propria software-house per le necessarie indicazioni tecniche.

 

Clienti che intendono avvalersi del servizio dello studio – dovranno trasmettere, in congruo anticipo rispetto alla scadenza del 31 maggio, a mezzo email, il file XML della liquidazione Iva riferita al primo trimestre 2017.  Nell’impossibilità di ottenere dalla propria software-house il file in formato XML, lo studio si baserà sulla stampa cartacea della liquidazione IVA inviata dagli interessati, digitando nel proprio software manualmente tutti i dati di cui trattasi. 

 

Lo studio provvederà poi a firmare digitalmente con la propria firma qualificata il file XML e a trasmetterlo mediante il SDI – Sistema d’interscambio per mezzo della piattaforma convenzionata fornita dalla propria software-house.

 

Sanzioni

 

È di tutta evidenza che una volta trasmessa la liquidazione IVA all’Agenzia delle Entrate questa non è modificabile, salvo ripetere l’invio telematico in presenza di errori di liquidazione. 

 

L’invio dei dati della liquidazione IVA con un ritardo non superiore a 15 giorni rispetto alla scadenza o l’invio di un file correttivo sempre entro i 15 giorni dalla scadenza, comporta la sanzione da un minimo di € 250 ad un massimo di € 500.

 

L’omessa trasmissione della liquidazione o la trasmissione di una liquidazione correttiva oltre i 15 giorni dalla scadenza, comporta la sanzione da un minimo di € 500 ad un massimo di € 2.000.

 

I Sig.ri clienti che intendono avvalersi del servizio di trasmissione telematica dello studio sono pregati di prendere contatto con i nostri uffici.

 

Lo studio resta a disposizione per eventuali chiarimenti.

 

Distinti saluti

Lo Studio

primi sui motori con e-max