STUDIO LAFFUSA

Circolare 9: novità per gli enti non profit a decorrere dal 2017

novità per gli enti non profit a decorrere dal 2017

La Legge di Bilancio 2017 ha introdotto numerose innovazioni per gli enti non profit. In questa informativa forniamo una sintesi delle disposizioni maggiormente significative con premessa che le modifiche riguardano anche i benefici concessi alle persone fisiche (bonus asilo nido e credito d’imposta per elargizioni liberali alle scuole).

 

Asili nido – buono nido per le persone fisiche

È confermato, con riferimento ai nati dall’1.1.2016, il riconoscimento, per il pagamento delle rette dell’asilo nido pubblico/privato, di un buono di euro 1.000 a base annua e parametrato a 11 mensilità.

In sede di approvazione definitiva della legge il bonus in esame è stato esteso anche alle forme di supporto presso la propria abitazione a favore dei bambini con età inferiore a 3 anni, affetti da gravi patologie croniche.

Il buono è corrisposto dall’INPS (dal 2017) al genitore richiedente, previa presentazione di idonea documentazione che attesti l’iscrizione e il pagamento della retta a strutture pubbliche / private.

 

Scuole paritarie e materne – fondi per la disabilità

A decorrere dall’anno 2017 si incrementa da 12,2 a 24,4 milioni di euro il contributo spettante alle scuole paritarie che accolgono alunni con disabilità. Il contributo è ripartito secondo modalità e criteri definiti con decreto del Ministro dell’Istruzione e dell’Università.

 

Scuole paritarie – Investimenti edilizia scolastica e credito d’imposta

Si ricorda che la L. 107/2015, all’art. 1 commi 145 e seguenti, aveva introdotto un particolare credito d’imposta, fruibile da persone fisiche, da enti non commerciali, nonché da imprese in relazione alle erogazioni liberali destinate agli investimenti in favore di istituti del sistema scolastico.

La norma in specie prevedeva (e prevede) che: “148. Per le erogazioni liberali in denaro destinate agli investimenti in favore di tutti gli istituti del sistema nazionale di istruzione, per la realizzazione di nuove strutture scolastiche, la manutenzione e il potenziamento di quelle esistenti e per il sostegno a interventi che migliorino l'occupabilitàdegli studenti, spetta un credito d'imposta pari al 65% delle erogazioni effettuate in ciascuno dei due periodi d'imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre 2015 e pari al 50% di quelle effettuate nel periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2017”.

La norma prevedeva altresì, come condizione per fruire del suddetto credito d’imposta, che “le somme siano versate in un apposito capitolo dell'entrata del bilancio dello Stato secondo le modalità definite con decreto del Ministro dell'Istruzione, dell’Università e della Ricerca, di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze”.

In ordine a tale ultimo punto interviene, con modifiche, la Legge di Stabilità 2017 (co 620), prevedendo che: “148-bis. In deroga a quanto previsto dal comma 148, le erogazioni liberali in denaro destinate agli investimenti effettuate in favore delle scuole paritarie sono effettuate su un conto corrente bancario o postale intestato alle scuole paritarie beneficiarie stesse, con sistemi di pagamento tracciabili. In tal caso le scuole beneficiarie sono tenutea:

  1. comunicare mensilmente al Ministero dell'Istruzione, dell’Università e della Ricerca l'ammontare delle erogazioni liberali ricevute nel mese di riferimento, provvedendo altresì a dare pubblica comunicazione di tale ammontare, nonché della destinazione e dell'utilizzo delle erogazioni stesse tramite il proprio sito internet istituzionale, nell'ambito di una pagina dedicata e facilmente individuabile, e sul portale telematico del Ministero dell'Istruzione, dell’Università e della Ricerca, nel rispetto delle disposizioni del codice in materia di protezione dei dati personali, di cui al D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196;

  2. versare, entro trenta giorni dal ricevimento delle erogazioni liberali di cui alla lettera a), il 10 per cento nel fondo di cui al comma 148 stesso per le finalità di cui al terzo periodo del medesimo comma. 148-ter.”

 

Istituti tecnici superiori – deduzione liberalità erogati da persone fisiche

È confermata la modifica dell’art. 15, comma 1, lett. i-octies), TUIR, in base alla quale è possibile beneficiare della detrazione IRPEF del 19% per le erogazioni liberali a favore degli istituti tecnici superiori di cui al DPCM 25.1.2008. Con la modifica dell’art. 100, comma 2, lett. o-bis), è altresì confermata la deducibilità delle stesse nel limite del 2% del reddito d’impresa e comunque nella misura massima di € 700.000 annui.

 

Associazioni senza scopo di lucro – limite attività commerciale occasionale

La Legge di Stabilità 2017 eleva da euro 250.000 a euro 400.000 la soglia massima dei proventi commerciali conseguibili annualmente dalle associazioni e dalle società sportive dilettantistiche, nonché dagli enti associativi e dalle pro loco senza scopo di lucro, che beneficiano del regime fiscale agevolato di cui alla L. n. 398/91 (cosiddetto “regime SIAE”).

 

Beni strumentali per le ONLUS

La Legge di Stabilità 2017 riconosce un contributo fino al 15% del costo, fino ad un massimo di euro 3.500 annui, per gli acquisti, anche in leasing, di beni mobili strumentali utilizzati direttamente ed esclusivamente per favorire la distribuzione gratuita di prodotti, alimentari e non, a fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi.

Il contributo, riconosciuto a favore di Enti pubblici e privati senza scopo di lucro, comprese le ONLUS:

  • è corrisposto dal venditore mediante compensazione con il prezzo di acquisto;

  • è rimborsato allo stesso dall’impresa costruttrice/importatrice, che recupera l’importo quale credito d’imposta “per il versamento delle ritenute dell’imposta sul reddito delle persone fisiche operate in qualità di sostituto d’imposta sui redditi di lavoro dipendente, dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, dell’imposta sul reddito delle società e dell’imposta sul valore aggiunto, dovute, anche in acconto, per l’esercizio in cui è effettuato l’acquisto.”.  Le imprese costruttrici / importatrici conservano copia delle fatture di vendita / atti d’acquisto, alle stesse inviate dal venditore, fino al 31.12 del quinto anno successivo a quello di emissione.

Le modalità attuative sono demandate ad uno specifico Decreto del MISE da emanare entro l’1.3.2017.

 

Fondo nazionale “rievocazione storica”

La Legge di Stabilità 2017 introduce il Fondo nazionale per rievocazione storica, “finalizzato alla promozione di eventi, feste e attività nonché alla valorizzazione dei beni culturali attraverso la rievocazione storica”, con un fondo di dotazione di 2 milioni di euro, per anno, per il triennio 2017-2019. A Tale fondo possono accedere Regioni, Comuni, nonché istituzioni culturali e associazioni. Per le istituzioni culturali e le associazioni è richiesto come presupposto il riconoscimento mediante l’inserimento in appositi albi, tenuti dai Comuni, ovvero l’operatività da almeno 10 anni.

L’accesso alle risorse disponibili del suddetto Fondo da parte delle istituzioni, enti e associazioni interessati, dovrà avvenire secondo modalità che saranno fissate con decreto ministeriale, da adottare da parte del Ministero dei Beni Culturali, entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Stabilità.

 

Fondazioni bancarie - Credito d’imposta per finanziamenti al volontariato

Viene riconosciuto alle Fondazioni bancarie, per l’anno 2017, un contributo sotto forma di credito d’imposta pari al 100% dei versamenti volontari effettuati in favore dei fondi speciali istituiti presso le Regioni per finanziare i centri di servizio a disposizione delle organizzazioni del volontariato (ex art. 15 della L. 11 agosto 1991 n. 266).

Il contributo è assegnato fino ad esaurimento delle risorse disponibili pari ad euro 10 milioni; il credito d’imposta può essere utilizzato esclusivamente in compensazione (ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs. 9 luglio 1997 n. 241) a decorrere dal periodo d'imposta nel quale lo stesso è stato riconosciuto.

 

Nel rimanere a disposizione per ogni chiarimento, porgiamo cordiali saluti.

 

Cordiali saluti


Lo Studio

primi sui motori con e-max