STUDIO LAFFUSA

Circolare 8 del 12/10/2016

comunicazione ai soci

OGGETTO: Comunicazione beni in uso ai soci entro il 31 ottobre

Entro il 31.10.2016 deve essere inviata all'Agenzia delle Entrate, con apposito modello, la comunicazione contenente i dati relativi ai beni d'impresa concessi in godimento al socio/familiare, a titolo personale, senza corrispettivo o ad un corrispettivo inferiore a quello di mercato.

L'obbligo è entrato in vigore come misura di contrasto del fenomeno elusivo di intestazione fittizia di beni, utilizzati a titolo personale dai soci o familiare dell'imprenditore.

 

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN USO AI SOCI

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN USO

AI SOCI

L’art. 2, commi da 36-terdecies a 36-duodevicies, del D.L. n. 138/2011 (c.d. “Manovra di Ferragosto 2011”) ha modificato, con decorrenza dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 17.09.2011, quindi dal 2012 per i soggetti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare, il trattamento fiscale dei beni concessi dall’imprenditore in godimento ai soci o ai familiari, stabilendo che:

  • la differenza tra il valore di mercato del diritto di godimento dei beni ed il corrispettivo annuo per la concessione in godimento di beni dell’impresa a soci/familiari costituisce reddito diversoin capo al socio/familiare dell’imprenditore;

  • i costi relativi ai beni dell’impresa concessi in godimento al socio/familiare dell’imprenditore per un corrispettivo annuo inferiore al valore di mercato del diritto di godimento sono indeducibili.

L’impresa concedente il bene o il socio/familiare deve comunicareall’Agenzia delle Entratei dati relativi ai beni concessi in godimento, secondo le modalità indicate dal Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate n. 94902 del 2 agosto 2013 ed utilizzando il modello ad esso allegato.

La comunicazione può essere assolta, in via alternativa, dall'impresa concedente, dal socio o dal familiare dell'imprenditore.

SOGGETTI INTERESSATI

L’obbligo di comunicazione sussiste per i seguenti soggetti, purché residenti:

  • imprenditore individuale;

  • società di persone (società in nome collettivo e società in accomandita semplice);

  • società di capitali (società per azioni, società a responsabilità limitata, società in accomandita per azioni);

  • società cooperative;

  • stabili organizzazioni di società non residenti;

  • enti privati di tipo associativo limitatamente ai beni relativi alla sfera commerciale.

Sono escluse dall’obbligo di comunicazione le “società semplici”.

OGGETTO DELLA COMUNICAZIONE

La comunicazione deve essere effettuata per ogni bene concesso in godimento nel periodo d'imposta. L’obbligo sussiste anche se il bene è stato concesso in godimento in periodi precedenti, qualora ne permanga l’utilizzo nell’anno di riferimento della comunicazione.

Nella comunicazione devono essere indicati i seguenti elementi:

  • per le persone fisiche: codice fiscale, dati anagrafici e stato estero per i non residenti nel territorio dello Stato;

  • per i soggetti diversi dalle persone fisiche: codice fiscale, denominazione e comune del domicilio fiscale o lo stato estero di residenza;

  • informazioni circa l’utilizzo del bene;

  • data della concessione (data di inizio e fine),

  • corrispettivo versato;

  • valore di mercato del bene.

BENI ESCLUSI DALLA COMUNICAZIONE

Sono esclusi dalla comunicazione:

  • i beni concessi in godimento agli amministratori;

  • i beni concessi in godimento al socio dipendente o lavoratore autonomo, qualora detti beni costituiscano fringe benefit assoggettati alla disciplina prevista dagli articoli 51 e 54 del Testo unico delle imposte sui redditi;

  • i beni concessi in godimento all’imprenditore individuale;

  • i beni di società e di enti privati di tipo associativo che svolgono attività commerciale, residenti o non residenti, concessi in godimento a enti non commerciali soci che utilizzano gli stessi beni per fini esclusivamente istituzionali;

  • gli alloggi delle società cooperative edilizie di abitazione a proprietà indivisa concessi ai propri soci;

  • i veicoli per i quali è prevista l’integrale deducibilità dei relativi costi nonostante l’utilizzo privatistico riconosciuto per legge;

  • i beni di valore non superiore a € 3.000 (al netto IVA), rientranti nella categoria “altro” del tracciato, ossia i beni diversi dalle autovetture ed altri veicoli, unità da diporto, aeromobili ed immobili (sono quindi esclusi, ad esempio, telefoni cellulari, personal computer, tablet, ecc.).

TERMINI E MODALITA' DI PRESENTAZIONE

La comunicazione riguarda i beni concessi/ricevuti nel periodo d'imposta. Pertanto, in caso di periodo d'imposta:

  • coincidente con l'anno solare, si fa riferimento al periodo 1.1-31.12;

  • non coincidente con l'anno solare, si fa riferimento ai beni concessi in tale periodo.


    La comunicazione va effettuata entro il 30° giorno successivo al termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta in cui i beni sono concessi o permangono in godimento. Quindi entro il 30 ottobre per i soggetti con periodo d'imposta coincidente con l'anno solare.

Quest'anno il 30 ottobre cade di domenica per cui la scadenza slitta a lunedì 31 ottobre 2016.

SANZIONI

In caso di omessa presentazione della comunicazione, o della sua trasmissione con dati incompleti o non veritieri, si applica una sanzione pari al 30% della differenza tra il valore di mercato del bene e il corrispettivo annuo per il godimento del bene stesso.

Si applica, invece, la sanzione da €. 250 a €. 2.000 nel caso in cui i contribuenti si siano conformati alle disposizioni previste ai commi 36-quaterdecies e 36-quinquiesdecies dell'art. 2 del D.l. 138/2011, ossia:

  • il concedente non abbia dedotto i costi e l'utilizzatore abbia tassato la differenza tra il valore normale e il corrispettivo,

  • o il concedente abbia addebitato all'utilizzatore una somma pari o superiore al valore di mercato.

La violazione comunque può essere regolarizzata tramite il ravvedimento operoso.

 

 
Lo Studio è a disposizione per ogni chiarimento

 

Distinti saluti

 

Lo Studio

 

 

 

 

primi sui motori con e-max